Quorum edizioni | L’esperienza del limite
Raccolta di sguardi sulle malattie senili
1500
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1500,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.2,vc_responsive

L’esperienza del limite

L’esperienza del limite è una raccolta di sguardi sulla malattia, in particolare sulle malattie senili: c’è il punto di vista psicologico, quello medico, quello filosofico, quello letterario, quello classico-artistico. Ma ogni osservazione è filtrata dalle prospettive e dalle umane percezioni di chi rivolge questo sguardo: un’operatrice culturale, una psicologa, una geriatra, un giornalista, un docente di filosofia e un cultore della civiltà classica. Ognuno, dal proprio individuale punto di osservazione, illustra una modalità di approccio alla persona e alla sua malattia. Denominatore comune rimane l’ascolto: forzare l’ascolto, oltre il proprio limite di rifiuto della malattia e delle sue “de-formazioni”, per imparare a prendersi cura dell’altro.
Questo comporta altre soluzioni del rapporto. Per esempio quella di stabilire una nuova responsabilità con e delle parole. Oppure quella di accogliere la memoria che va in frantumi – e l’Alzheimer ne è la manifestazione più terribile – per farne una sorta di vetrata gotica. O ancora quella di costruire metafore che aiutino a vivere meglio, erigendo un personale “altare” della relazione col malato, perché resti vivace la stessa memoria di vita, anche se la capacità di una comunicazione di senso è svanita. O, infine, quella di far proprio il senso del limite per essere consci e diventare consapevoli che la persona malata è stata sempre e comunque rispettata nella sua dignità.