Quorum edizioni | Dalla terra al mare
Poesie
1052
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1052,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.2,vc_responsive

Dalla terra al mare

Insieme alle comuni espressioni di stupore, c’è una domanda che ritorna: perché scrivi poesie? Cosa si cela dietro la voglia di scrivere una poesia? Mi viene da dire: sarà forse la cittadella della eterna giovinezza, una età che si pensa di dover vivere per sempre. Ma anche un insopprimibile bisogno di libertà, senza costrizioni né tornaconti. La poesia come espressione di intimità: non si scrivono poesie per gli altri, si scrivono per sé, per farsi riconoscere per quello che si è, nella propria autenticità. La voglia di scrivere versi è arrivata per soddisfare questo bisogno: una voglia di parlare agli altri, se le parole toccano il cuore, di avere riguardo per l’umanità che mi sta intorno, quando mi incuriosisce e mi coinvolge, specie se apre spazi alla genialità e alla bellezza. Di lasciare una testimonianza a quanti mi corrispondono. Scrivo quando posso, soprattutto quando mi sento di dare ascolto all’armonia.