Quorum edizioni | A pongialbe
olio, grano, vino, civiltà contadina
976
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-976,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.4,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.2,vc_responsive

A pongialbe

 Noi apparteniamo alla terra. E la terra, con i suoi frutti, è ‘risorsa’ che dice sostentamento, civiltà e cultura. Intorno all’olivo, alle messi e alla vite ruota una dimensione, semplice e nel contempo complessa, fatta di gesti e di parole, di oggetti e di tradizioni, di spazi e di rituali, che hanno scandito il tempo.

È il tempo dell’uomo che si sovrappone e si confonde col tempo della natura. 

È il tempo della storia che inizia all’alba della civiltà. 

È il tempo della quotidianità che comincia a pongiàlb , al sorgere dell’aurora, quando la luce ‘punge l’alba’, risveglia la natura e sollecita l’uomo al lavoro.

Di qui, i racconti di Olea, di Spica e di Uva, per richiamare i più giovani a pongiàlb  e conoscere i cicli colturali dell’olio, del grano e del vino, alla scoperta di una civiltà contadina che, dal passato, grida la sua attualità.